aldo ardetti scrittore di storie in versi

Aldo Ardetti
Sono nato a Mesa di Pontinia, in provincia di Latina, nel 1949. Sono giornalista pubblicista dal gennaio 1979.
Mia madre, raccontava, andò a lavorare nei campi fino al giorno precedente il parto.
Ho svolto diversi mestieri: lavorato in campagna, rappresentante, commesso, in fabbrica per 15 anni, documentarista, redattore di quotidiani e direttore responsabile di periodici, radio e televisione, editore, operatore turistico, impiegato. Ho insegnato ai giovani apprendisti lavoratori. Sono un appassionato di foto-cinematografia. Ho praticato corsa campestre e rugby a livello agonistico.
Ho iniziato giovanissimo a scrivere versi. Presente nel 1967 ne "IL Lauro d'Argento", una iniziativa editoriale per far conoscere giovani poeti italiani. Nel 1971 pubblico "Colloquio poetico", raccolta di poesie giovanili con prefazione di Giacomo Lauri-Volpi. Il 13 agosto 1970 recensione su l'ABC di Madrid. Dal 1975 inizio a collaborare, coordinare e dirigere periodici (La Città e la Regione, La Città, ModArt) ed emittenti radiotelevisive. Ho promosso manifestazioni cultural-folkloristiche e ottenuto consensi e meriti in numerosi eventi letterari. Sono presente in numerose antologie e riviste di narrativa, poesia contemporanea (tra tutte Storie di Leconte Editore) e siti web tra i quali il portale della rivista culturale ‘Stilos’. Alcune poesie sono tradotte in inglese, spagnolo e russo. Nel dicembre 1994 ho pubblicato la raccolta "L'odore del tempo" e nel 1998 "Pensieri e storie in versi". Ho ricevuto un Premio speciale a "I RACCONTI DI SABAUDIA", Baldini Castoldi Dalai Editori. Sono stato inserito nell'Annuario di poesia 2006, Edizione Progetto Cultura 2003 presentato per "Spazio Poesia" alla Fiera Più libri più liberi - Palazzo dei Congressi di Roma-Eur. Presente nei Racconti nella Rete 2007. Per il collettivo Kai Zen, autore de La Strategia dell’Ariete (Ed. Mondadori), ho scritto un racconto per "I Sentieri di Seth" apocrifi e, con altri autori, Romanzo Totale 2008.
Con Carlo Miccio e l’attrice e regista Tiziana Battisti, della compagnia teatrale Opera Prima di Latina, ho collaborato con idee e testi alla realizzazione di “Case gialle – Storia di un interno popolare”, una performance in ambiente che ha avuto diverse repliche.
Sono stato impegnato con "Cronache da un pianeta abbandonato", romanzo a scrittura collettiva di Anonima Scrittori con Antonio Pennacchi, Premio Strega 2010 . Il primo capitolo è stato pubblicato sul numero 42 di Nuovi Argomenti, la rivista di letteratura edita da Mondadori, fondata da Alberto Moravia e Alberto Carocci nel 1953 e attualmente diretta da Dacia Maraini. Il romanzo è, poi, diventato "Storia di karel". Sono stato finalista nelle prime due edizioni - 2012 e 2013 - del premio 'Latina in versi'.
Presenze cartacee con: Baldini Castoldi Dalai Editori, Storie di Leconte Editore, Il Foglio, Inchiostro - Il Riccio Editore, Toilet - 80144edizioni, Aletti, Il Filo, Giulio Perrone Edizioni, I fiori di campo, Nuovi Autori, Delos Books,...

da LA TERRA PROSCIUGATA

Se di una terra dovrò cantare
canterò della terra ove son nato
ove l’Uomo si die' gioia e vanto
di tramutar boscaglie e acque
e Natura operò, lungo la storia,
sulla vita e morte della progenie.
....................................................

A Pontinia

I
Nella terra dei fiumi e canali,
tra miliare, il Sisto e il Botte,
con le piccole dimore e casali
sei il dono di lavoro e di lotte.

Colto il posto della morte alata
sfidata fin da Teodorico e Traiano,
preso il nome dalla terra salvata,
agglomerato nel fertile piano.

Dentro il cuore dell’Agro fondata,
città amata della gran pianura
pupilla della terra prosciugata
città contadina senza paura.

Ti vollero essenziale e snella
la bandiera dell’Agro vivente
memoria di una fiaba novella,
simbolo di una terra nascente.

Comunità industriosa e viva,
uno scrigno nell’immensa campagna;
dal campanile a canne d’organo
cantano le campane di Sant’Anna.

Per le radici un pensiero acuto,
per le origini ricordi di dolore:
spesso ti rivedo per un saluto
o per deporre un semplice fiore.

Gli affacciati tramonti

Incontro con i miei affacciati
tramonti di ricordi e segreti
sulla barca appesantita da rotte,
le conchiglie vittime sulla riva
che risacca affoga e insabbia.
Navigo alla ricerca di versi,
una canzone condita di sale
che si nasconde, insinua e fugge
verso lontani profili di vele.
Canzoni partorite rifuggendo
le città difficili d’inverno,
ma sostando nelle strade marine,
alberghi di rugosi pescatori
con forti voci e fiato salmastro
accomodati su rotoli di cime
tra le bitte del rifugio marino,
le case umide asciugate da brezze
di libeccio o grecale carezze.

Via Marchiafava

Una via corta, stretta e semplice,
dove ha abitato la mia famiglia,
per anni testimone e complice
di molte storie e meraviglie.

Fari furono uccisi sul viale,
furono traditi per un cantiere,
di una patria colonne d’Ercole
che meritarono riti e preghiere.

I giardini delle Case Gialle,
risonanti botteghe artigianali,
panni colorati nelle bacinelle,
versi di animali e grida coniugali.

Facevano l’amore i proletari
al crepuscolo dietro le tendine,
nascosti sotto panni avari
e alla luce smorta di lampadine.

Altra gente abita la viuzza,
impasto di idiomi e di pensieri,
anime che domandano salvezza,
estinto quanto esisteva ieri.

Le ringhiere piene di corolle,
moscerini nelle giornate afose;
sui fiori un volare di farfalle,
il kebab che sovrasta le mimose.

Che malinconia per storie perse;
sulle tempere (stanche), un tramonto abile
crea geometrie nelle (rotte) traverse:
malìe di luce nel tempo palpabile.

Poi furono amari gli abbandoni,
quando compiuto il corso della vita,
mutarono in cenere dispersa
nell’occulta terra, ultimo riposo.

Mesa
(a Mesa di Pontinia – Migliara 51)

In quest’aria di moderni suoni e rumori,
nella spianata di nera terra, stai
dove respirano grasse e profumate zolle
sulla fettuccia romana verso Anxur.
Non ti ravviva un crocicchio
e oggi ti rivedo e penso agli anni.
Stringe il cuore adulto quando lo sguardo
volge ai pini, ai diritti pioppi ed eucalitti,
al piano per indagare tra i poderi
dove fu posto il letto della partoriente
che ogni giorno nutrì la mia vita:
Mesa, nel mio cuore vivi.
Riposa il viandante ch’è in me
nel vecchio casale di antichi mosaici
dove sostarono re e imperatori,
santi e il teutonico poeta.
Sulla Regina Viarum residua
il mausoleo svestito della buona roccia
del deforme schiavo Clesippo
amato dalla lasciva Gegania,
da Plinio il Vecchio tramandati,
che intravedo con calici di sidro levati,
veli ad avvolgere le nudità
nel rumoroso baccanale.
Oggi è lo stormire lieve delle foglie,
il fluire di uccelli, il frinire di invisibili cicale;
raggi d’oro che trafiggono l’aria
esaltano colori che rallegrano l’animo.
Un’eco insiste prepotente nel petto:
Mesa mi sei nel cuore
quantunque un altro addio sia fatale:
gridano luci di altri luoghi,
invocano voci di altri amori.

A Ninfa o del residuo Eden


S’apre un sipario sulla carretta
quando Ninfa oltre il lago appare:
la Pompei del Medioevo eletta.

Dalla pedemontana ammirare
torre e antiche mura testimoniare;
poi dai bianchi sentieri mirare

ruscelli e cascatelle gorgogliare,
un mare di fiori la villa colorare
e una miriade di uccelli squillare:

il rigogolo, l'usignolo, il cardellino,
gli aironi, le cince e le garzette rare,
l'upupa, il picchio e il pendolino

mentre va l’acqua dei rii al bacino
dove traspare l’erba filiforme
e di animali cogli il cammino.

Appresso le rovine senza forme,
nel profumo di lavanda e dei roseti,
confessano storie di malaria e torme,

della rovina di chiese e sepolcreti
abbandonati all’ombra dei cipressi,
all’eco delle genti, al canto dei poeti.

A Rio Martino

Gabbiani eleganti aleggiano
nel salso vento fievole e sottile
e mormorii fluttuanti carezzano
fiancate e rampe del pontile.

Nell’odore che aggredisce
gli uccelli scrutano le acque,
sinuose tra i canneti le bisce
vagano nel trasparente specchio.

Stazzi di filo spinato e lamiere
difendono i mattoni del rottame,
mura scrostate di vecchio cantiere
assediato da crateri nel brecciame.

Sulla diroccata torre costiera
ormai appiglio e asilo di rapaci,
nella spenta calce e vecchia pietra
proliferano burrasche di radici.

I fiori della duna nelle chiazze
concesse dalla sabbia e dai legni,
i fiori delle piante grasse
creano diseguali tappeti sanguigni.

Tra gli erbaggi radicati alla riva,
ancorate le trappole dei martavelli,
senza beccheggio alla deriva
si estinguono lignei battelli.

Sartiame e sugheri marciscono al sole
bussano le sagole sugli alberi nel porto,
un rumore metallico sempre uguale
che par di udire una campana a morto

mentre il mare diventa muto e sordo
noi non sappiano quali consigli
dare al cuore frequentato dal ricordo
ad un cuore affollato di risvegli.

Circeo

Si erge Circeo dall’adamantino
pelago delle ponziane isole;
nella frizzante aria del mattino
figure all’orizzonte del sole,

mirar di barche a issare reti
imitar gesta per sostentamento,
lavorar di braccia e assenti
tempo, ogni pensiero di lamento.

Sotto il monte è la mia casa
tra scavati canali e le gore
arriva un profumo di cerasa,
il soffio maestrale dal sapore

di umido salino nelle vie,
porti ove lo stracco pescatore
approda barche con spumose scie
in un sussurrar di acquose note.


Calura

Nella viva favilla, ostinata
sui rilievi dell'aurea arena,
dalle cicliche maree bagnata,

ho sfiorato labbra di amarena
nel mentre lo scarabeo tracciava
le infinite rotte sulla rena.

Al vento le parole regalava,
l'alito e il profumo che ella
dietro rovi dunali defilava

le perle saline a catinella
che fulmineo le evaporava
il fuoco dell'accecante stella.

26 maggio 1956
(a mio padre)

Volasti quando ancora scalzo
correvo ingenuo e felice
per pietrose e polverose strade,
arrampicavo secolari giganti
per cogliere carrube.
Quali percorsi poi
la vita ci ha programmato,
quale destino si è impadronito di noi,
quali e quanti indirizzi abbiamo abitato.


All'Astura

È ricordare quella salsedine
che sentivamo e odoravamo,
sulla nostra pelle respiravamo.
Quell'aria di latice di pineta,
quel mare di conchiglie calpestate
nella moria di alghe sulla riva,
l'inciampare in ciottoli romani
ormai antica creta consumata,
levigata da clessidra salina
che conosce lo scorrere del tempo,
la perenne voce di risacca.


Il sale del dolore

Ancora è nell'aria
il pianto disperato,
le roche parole sgorganti
da una malata gola
in quel ristoro ferroviario.
Non ci fu vento o parola
ad asciugare umiliazione,
il mio cuore, i miei occhi
che regalavano alle labbra
tutto il sale del dolore.

© Copyright 2005 Aldo Ardetti - È vietata la riproduzione anche parziale di testi, foto, senza preventiva autorizzazione